Lavorazione delle olive

 
 

Ecco come produciamo il nostro olio

 
 
Il clima di Carpino e la composizione del terreno particolarmente favorevole, ricco di fosforo, potassio e microelementi conferiscono al prodotto caratteristiche inconfondibili.

La passione degli agricoltori e le tradizioni agricole impiegate anche nella scelta dei metodi di lavorazione delle olive, fa si che si riesca a produrre un olio di oliva di qualità grazie all’attenta selezione delle olive scelte.

L'azienda Olii di Carpino S.r.l. sono caratterizzati da una bassissima acidità e dal sapore fruttato medio-intenso con note erbaceo-floreale e da un colore giallo-oro, l'olio extravergine di Carpino è uno dei migliori del territorio garganico, collocandosi, anche per le sue inconfondibili note sensoriali, ai primi posti nel mercato di nicchia nazionale.

I metodi di lavorazione possono essere diversi nelle diverse aziende ma sicuramente i passaggi basilari sono ovunque gli stessi.
 
 
 
 
 
 
Tutto comincia con la raccolta delle olive che avviene tra metà ottobre a fine dicembre, questa attività può essere fatta manualmente con l’ausilio di bastoni per la battitura o scuotitura oppure in modo meccanico con l’uso di abbacchiatori che scuotono l’albero al posto della manodopera umana e raccolgono le olive in rete disposta a terra.
Dopo la raccolta si procede alla pesatura in frantoio per avere una stima del raccolto.
A questo punto le olive vengono defogliate e lavate in vasche d’acqua in cui quest’ultima viene cambiata spesso per mantenere la qualità delle olive.

Dopo questi passaggi preliminari si passa alla molitura, il processo grazie al quale le olive vengono trasformate in pasta d’olio, un composto fatto di parte solida, frutto di noccioli, bucce e polpa ma anche una parte liquida.
Uno dei momenti più importanti della lavorazione è la gramolatura cioè un rimescolamento a temperatura controllata di olio e pasta che ne riduce il volume ed è la fase che precede l’estrazione dell’olio cioè la vera e propria produzione dell’olio.

L’ultima fase è quella della separazione, dopo l’estrazione del liquido dalla pasta, il prodotto ottenuto contiene ancora dell’acqua che verrà separata sfruttando la non miscibilità dell’olio con separatori centrifughi, il prodotto ottenuto è finalmente l’olio di oliva.